La possibile diffusione del nuovo virus 2019-nCoV induce, in una logica prudenziale, a porre in essere delle verifiche ed iniziative volte alla tutela della salute del personale, onde ridurre i potenziali effetti anche sull’operatività dell’intero Corpo Nazionale e per ottimizzare la capacità di risposta rispetto a scenari di tipo biologici nei quali il personale potrebbe trovarsi nel prestare soccorso a persone potenzialmente infette, sebbene, si ribadisce, tale scenario risulta ad oggi assai poco probabile.

In ogni caso, facendo seguito alla recentissima diffusione da parte della Direzione Centrale per la Difesa Civile e per le politiche di protezione civile del piano di difesa nazionale (settore sanitario) aggiornato a Novembre 2019 da parte del Ministero della Salute (Documento Non Classificato – Controllato dal Ministero della Salute) diffuso tramite le prefetture si ritiene opportuno fornire alcune indicazioni aggiuntive di natura operativa.

Corona VirusIl Virus 2019-nCoV appartiene alla tipologia dei CoronaVirus, pertanto esso causa usualmente patologie di tipo respiratorio.

L’Organizzazione Mondiale per la Sanità rende continuamente disponibili sul proprio indirizzo web (https://www.who.int/) informazioni continuamente aggiornate sullo stato di diffusione mondiale, e sui progressi nella lotta al virus. In particolare ai fini dell’autoprotezione individuale dal contagio l’O.M.S. raccomanda i seguenti punti, che hanno lo scopo di ridurre l’esposizione e limitare il raggio di trasmissione di patologie e che includono igiene delle mani e respiratoria nonché un approccio sicuro all’alimentazione:

  • Lavare frequentemente le mani strofinandole bene usando soluzioni alcoliche o acqua e sapone;
  • Coprire con il gomito flesso o con un fazzoletti di carta la bocca e il naso quando si starnutisce o si tossisce;
  • Evitare contatti ravvicinati con chiunque abbia febbre e tosse;
  • Se si riscontrano febbre, tosse e difficoltà respiratorie ricercare immediatamente cure mediche e riferire il percorso e i luoghi in cui si è stati al medico;
  • Evitare contatti con animali vivi in aree mercatili;
  • Evitare il consumo di carne e prodotti animali crudi o poco cotti. Gestire con attenzione carne cruda, latte e organi animali per evitare episodi di contaminazione incrociata con cibi crudi.

Leggi tutto...

 

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information