Home Eventi Dettagli - “Degustazione enogastronomica”

EMAIL Stampa

Eventi

Evento 

Titolo:
“Degustazione enogastronomica”
Quando:
06.08.2016 20.30 h
Dove:
Ex Chiesa ed ex Convento di San Nicola - Alvito
Categoria:
Sagre/Manifestazioni

Descrizione

Chiostro San Nicola “Degustazione enogastronomica” – Comune di Alvito e ass. Emmeleia

Sede

Mappa
Venue:
Ex Chiesa ed ex Convento di San Nicola
Via:
Via San Nicola snc
Cap:
03041
Città:
Alvito
Provincia:
Fr
Paese:
Paese: it

Descrizione

Il Convento di San Nicola è un ex convento dei francescani conventuali della città di Alvito, di origini cinquecentesche, ma con rifacimenti settecenteschi, a cui è annessa l'omonima chiesa. È oggi un edificio pubblico, per buona parte di proprietà dell'amministrazione provinciale di Frosinone, con all'interno un istituto tecnico statale per l'agraria, mentre la chiesa appartiene al "Fondo edifici di culto" che afferisce al Ministero dell'interno.

L'edificio fu costruito del 1516 con le rendite della chiesa di Santa Maria del Campo, prepositura benedettina nella Valle di Comino, ricondotta da allora all'amministrazione cittadina alvitana. Il convento fu edificato fuori dalle mura, alle pendici del colle su cui giace la città, su una propaggine che si spinge nella sottostante piana di Alvito. Viene citata la sua ricchezza, testimoniata anche dalla sontuosità dell'edificio.

Ampliato e restaurato nel 1720, nella seconda metà del XVIII secolo il pontefice Clemente XIV, che vi aveva passato un anno come maestro dei novizi, lo fece arricchire e ornare di numerose opere d'arte, tanto che fu chiamato il "il piccolo Montecassino".

Le strutture architettoniche presentano forme artistiche vicine al tardo-barocco romano o barocchetto. Di interesse artistico nell'edificio si ricordano il chiostro, rimaneggiato dopo recenti restauri, e un bel portone d'ingresso. La chiesa, ad una sola navata, è posta al lato settentrionale dell'edificio. Custodiva un tempo due quadri di Raffaello.

Fonte: Wikipedia


Costruito nel 1516 con fondi in parte provenienti dalle rendite di S. Maria del Campo, si trova fuori le mura al di sotto della vecchia piazza del mercato, e prima della costruzione della strada carrabile vi si accedeva solo dalla scalinata che parte dalla chiesa di S. Simeone. Nel 1574 era già « ricchissimo » (G. Prudentio).

Nel ‘700, in seguito ai grossi danni riportati per un terremoto, fu fatto restaurare integralmente da Clemente XIV, che lo dotò anche del coro di legno intarsiato.

La chiesa ha una sola navata coperta a botte, e una facciata, sporgente rispetto al filo del convento, incorniciata da lesene e divisa da una cornice marcapiano in due ordini: quello inferiore con il portale e due finestre laterali, quello superiore con tre finestre, di cui la centrale dà luce alla cantoria, coperta da volte a crociera.

Nella chiesa si trovano due quadri di Raffaello, uno nella cappella dei Letteratis e l’altro in quella degli Elvino, successivamente portati via. Chiesa e Convento avevano nel 1632 una rendita di mille scudi annui.

Fonte: Storia della Città - Rivista internazionale di storia urbana e territoriale - N°2 Electra Periodici

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information